Isole sopraelevate contro il rischio tsunami

22-02-2012, 07:25
Dall'esperienza di impara sempre qualcosa: un gruppo di architetti di Tokyo ha elaborato un progetto destinato ad alcuni comuni del Tohoku, la regione devastata tre anni fa dallo tsunami che ha poi causato il disastro di Fukushima. Sono progetti di architettura rivolti a coloro che vivono nelle zone a rischio.

Consistono nella costruzione di isole sopraelevate fissate alla terra ferma e capaci di ospitare oltre un centinaio di case. Il progetto presentato dallo studio Sako si chiama Villaggio del cielo e prevede che le isole artificiali siano costruite nella pianura vicino al mare. Fissate saldamente al terreno da piloni di acciaio, sono sorrette da muri di cemento alti come edifici di tre piani e dello spessore di cinquanta centimetri l'uno. La forma finale delle isole sarà ovale in modo da deviare l'eventuale onda di piena senza che l'impatto sia troppo violento.

Se la popolazione da ospitare sulle isole fosse troppo numerosa, gli architetti hanno previsto di allargare questo progetto fino a realizzare degli “arcipelaghi” tra loro collegati da strade che corrono a livello del suolo. Nella parte bassa dell'isola, quella maggiormente a rischio, si prevede l'installazione di magazzini, parcheggi e fabbriche. Sulla sommità, invece, sono previsti i nuclei abitati con case, scuole e uffici. In caso di allarme, la sicurezza sarebbe garantita da apposite paratie da chiudere collocate all'ingresso di ciascuna isola.

Fonte originale della notizia...


Per commentare: