I figli delle grandi aziende

21-09-2012, 15:30
Anche le grandi aziende giapponesi sembrano a "conduzione famigliare", perché i loro presidenti hanno sempre lo stesso cognome dell'imprenditore che le ha fondate. Ma come è possibile, in un paese con un tasso basso di natalità e dove si possono anche non avere figli maschi?

Tutto merito del mukoyoshi (lett. "figlio acquisito"). Si tratta della pratica di "adottare" un uomo adulto che si sposi con una figlia, e che prenderà quindi il cognome della famiglia stessa. In Giappone, come negli altri paesi del mondo, una donna prende il nome del marito. Tuttavia, quando una famiglia che ha dei business ben avviati e non ha eredi maschi ma solo femmine, allora quando la prima figlia si sposerà, e potrà prendere come marito un mukoyoshi.

Se poi non vi sono figli, allora il mukoyoshi potrà prendere come sposa una donna al di fuori della famiglia adottiva (fufuyoshi).

Si tratta di una tradizione vecchia di secoli, ed è ancora ampiamente praticata oggi. Molte aziende giapponesi hanno adottato questa pratica, e tra queste la Suzuki, la Canon, la Kikkoman e la Toyota.

Fonte originale della notizia...


Per commentare: