I fax nell'era dei tablet

13-06-2012, 10:00
Quasi il 60% delle famiglie giapponesi hanno un apparecchio fax nelle loro case, e questo sembra giustificare una nota teoria che afferma che in Giappone si contrappongono il tradizionale con l'avveniristico. Sarà perché la scrittura è ancora molto diffusa ad aver frenato l'adozione dei computer, o la difficoltà a digitare i kanji sulle tastiere occidentali.

Fatto sta che il fax è considerato insostituibile da famiglie e imprese. Se nel resto del mondo è ormai stato sostituito dalle mail (e dalla banda larga), gli abitanti del Giappone non si sognano di staccare la spina al proprio fax.

Via fax si mandano inviti alle feste, documenti bancari, ordini commerciali, e persino le istruzioni su come fronteggiare un'emergenza nucleare come quella di Fukushima.

C'è da dire, comunque, che fino al 1985 i sistemi di immissione erano alquanto complicati per la lingua giapponese. Solo la Apple sviluppò in quell'anno il primo sistema funzionale, che gestiva sia i kanji, gli hiragana e i katakana, digitando le parole con i caratteri latini e scegliendo il simbolo corretto dai vari suggerimenti.

Fonte originale della notizia...


Per commentare: