Geotermia nei parchi nazionali

09-03-2012, 13:00
Intrapresa la strada della geotermia per sostituire l'energia nucleare, usando peraltro i numerosi parchi nazionali geotermali e sacrificando il meno possibile la struttura e l'habitat delle zone interessate. Un primo esempio proprio nel territorio più colpito dal sisma, il Bandai-Asahi National Park di Fukushima.

In questa zona si ritiene possano essere ottenute un numero di vasche sotterranee di acqua calda e vapore capaci di generare circa trecento megawatt di elettricità. Altri siti candidati sono due aree parco in Hokkaido, tre nella Prefettura di Akita oltre al Bandai-Asahi National Park, nei pressi di Fukushima città. Essi sono progettati per avere una capacità di energia geotermica di seicento megawatt, pari a circa metà della capacità di un reattore nucleare.

Fonte originale della notizia...


Per commentare: