Carpe del Sol Levante

24-07-2012, 11:00
La carpa koi, o più precisamente la nishikigoi (lett. "carpa broccata") o carpa giapponese, è la varietà addomesticata della carpa comune, allevata in Giappone per scopi decorativi in stagni all'aperto e laghetti da giardino. Sono simbolo di amore e amicizia e, soprattutto in occidente, hanno diffuso per questo significato la loro figura in molti tatuaggi.

Vi è anche la leggenda di una carpa che, avendo risalito con tenacia la corrente del fiume Giallo, arrivata ai cancelli del Drago venne tramutata appunto in Drago.
Originarie dell'antica Cina, durante la Dinastia Jin, iniziano ad essere utilizzate nell'acquacoltura nel quinto secolo avanti cristo, mentre in Giappone arrivano dalla Cina nel quindicesimo secolo. In Italia non sono molto diffuse. Le varie tipologie vennero riunite nel 1914 a Tokyo, ove si tenne la prima di una serie di esposizioni annuali sull'argomento.

Le differenti varietà di carpe si distinguono per colorazione, decorazione e qualità delle scaglie. I principali colori sono bianco, nero, rosso, giallo, blu e crema. Anche se le varie combinazioni dei colori sono infinite, sono state identificate dagli studiosi delle categorie sommarie di inquadramento dei diversi pesci. La categoria più popolare è la gosanke, che unisce la varietà kohaku, taisho sanshoku e showa sanshoku. Attualmente si producono anche nuove varietà di pesci. La ghost koi si è sviluppata a partire dagli anni '80 del Novecento ed è divenuta molto popolare, soprattutto nel Regno Unito. Parallelamente vi sono anche degli ibridi di carpa selvatica e le ogon koi, che si distinguono per la colorazione metallica delle scaglie. Le koi sono animali molto longevi, tanto che, in alcuni casi, la durata della loro vita supera quella dei loro proprietari. Soprattutto di chi ha la fortuna di possedere un piccolo specchio d'acqua, l'habitat ideale per questo tipo di pesci.

Fonte originale della notizia...


Per commentare: